Archivi tag: il partito del cemento

Legal thriller de nuiautri

Dal processo Barla arrivano sempre novità esilaranti. Dichiarazioni fasulle, spionaggi, intercettazioni, tradimenti, agnizioni, soldi che compaiono e subito spariscono inghiottiti da portafogli rapaci. Ce n’è sempre una.
Ormai aspetto più le udienze del processo Barla & Bianchi che i legal thriller di Grisham o le puntate di Law & Order. Uno Scott Turow de nuiautri non potrebbe fare di meglio.

Premessa: gli attici delle Torri di Colombo, la Miami taggiasca, regalati ai politici in cambio di favori. Le case di Borgo San Martino edificate su zona soggetta a rischio alluvionale. Tangenti e concussione per il centro commerciale Shopville.

Sceneggiatura: Piani sequenza di uomini incravattati che discutono in corridoi angusti per poi scendere lo scalone davanti al palazzo della Provincia. Inquadrature di assessori che si allentano la cravatta e si fanno un bicchiere di buon Bourbon con la segretaria.

Poi la scena cambia. Siamo al casinò di Montecarlo. Un noto imprenditore fa la sua ultima puntata alla roulette. Non gli è rimasto molto, quelli che ha messo sul tappeto nel 13 rosso erano i soldi destinati a qualche sindaco locale. Rien ne vas plus! Esce il 17 nero. Vabbè, per fortuna quelli per lo champagne e l’escort di lusso li aveva messi da parte. Basterà limare qualche fatturina. E poi, con il sindaco ci s’arrangerà in qualche modo, semu boi cumpagni.

Ma spunta il solito PM. Questa faccenda del centro commerciale gli puzza d’imbroglio. Non sarebbe la prima volta a Ponente. Il fiuto lo porta a verificare conti e addebiti. Una voce amica gli ha detto che c’è un geometra pronto a parlare. Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio. Il geometra parla: partono gli avvisi di garanzia. Scandalo al sole: comune commissariato e sindaco che dalla Valle Argentina finisce in Valle Armea, in carcere. L’assessore s’avvale dell’immunità e va ai domiciliari. L’imprenditore lo beccano a Milano e si fa qualche mese in quarantena a San Vittore.

Ci sono le elezioni. Il paese, ferito, decide di dare una svolta. La nuova amministrazione decide di costituirsi parte civile contro l’ex sindaco e gli speculatori. Questi ultimi intanto escono di prigione. Cambiano vita. L’ex sindaco, dimessi i panni di avvocato, diventa agente immobiliare. Tutti comunque rimangono nel ramo dell’edilizia. E’ la sola cosa che sanno fare. L’unico a cambiare è il geometra che apre un bar.

Ma non è finita. Arriva il bello. Il processo. Qui Barla dà il meglio. Minaccia d’avvalersi della facoltà di non rispondere, poi parla, ma è criptico. Il geometra parla, poi ritratta, poi parla di nuovo. Si vogliono allungare i tempi. C’è un concreto rischio di prescrizione, grazie anche ad una serie di indulti e provvedimenti governativi in materia di giustizia: ce n’è uno puntualmente dopo ogni tornata elettorale politica.
Ma il bravo PM non si da per vinto. Accumula una mole di dati impressionante. Documenti, ricevute, fatture, intercettazioni telefoniche e ambientali. Poi trova un nuovo personaggio per sbloccare la situazione. Un teste chiave, a sorpresa. Non è una femme fatale. Purtroppo qui la fiction cede alla realtà. Non è Julia Roberts o Sharon Stone. E’ bruttina, ha una voce terribile e ha la cellulite. Ma è sveglia e denuncia la concussione subita: una tangente da 60 mila euro.

Era il luglio del 2003, Aurora De Iuliis è un’immobiliarista di Sanremo, all’epoca dei fatti socia al 50 per cento con Bianchi nella A&G Sviluppo che deve realizzare il centro commerciale Shopville. A fine mese scadevano i termini per ottenere le autorizzazioni alla costruzione del centro commerciale. Trascorso quel termine, sarebbe entrato in gioco il nuovo Piano commerciale della Regione con il rischio che la pratica non ottenesse il nulla osta di Genova, mentre con la vecchia normativa era sufficiente l’autorizzazione del Comune. Per ottenerla era necessario fare un atto unilaterale d’obbligo, che qualsiasi studio legale civile può fare. Invece qualcuno suggerisce alla De Iulis di rivolgersi a Barla. S’incontrano nel parcheggio del municipio. Lui è anche il sindaco che dovrà approvare il documento che accetta di scrivere. Ma questo non è un problema. Naturalmente Barla non si pone il problema del conflitto d’interesse. Anzi, tutto compreso fanno 60 mila euro. La De Iuliis s’impunta. Barla scende a 40 mila. Ma in contanti e in nero. La parcella di un avvocato per quella prestazione non arriva a 4 mila.

L’ultimo colpo di scena è davvero incredibile. Qui si sorpassano Grisham, Turow & C. e si sconfina nella grande letteratura russa, in Gogol, Leone Tolstoji o, se volete, anche in quella sudamericana, Jorge Amado. Barla dichiara che la De Iuliis lo aveva minacciato di organizzare una “rivolta contadina” se non avesse firmato il documento appena scritto.
Una “rivolta contadina”. A Taggia, poi. Già m’immagino le orde di contadini con il forcone sotto i balconi Bauhaus del municipio di Levà. Vedo i proprietari terrieri arrivare di notte nelle case dei braccianti per fomentarli contro il sindaco. Vedo la signora De Iuliis con il suo tailleur floscio tirare pomodori e frustare col plumosus il sindaco Barla.

A questo punto, che cosa accadrà? Non so che immaginarmi ancora. Lo sceneggiatore di questa storia saprà stupirci nuovamente, ne sono certo. Aspetto la prossima puntata. Forse ci sarà uno sbarco di venusiani che si cibano solo di ruscus. Rapiranno l’ex sindaco perché al posto degli orti ha messo una colata di cemento.

4 commenti

Archiviato in Cose Nostre, Letture

Il partito del cemento

Un libro che pesa. Non tanto per le sue quasi 300 pagine (si leggono d’un fiato, come un noir) ma per l’argomento: la nuova speculazione edilizia in Liguria.
“Il partito del cemento” Marco Preve e Ferruccio Sansa, (ChiareLettere, con Prefazione di Marco Travaglio) cade come un macigno – ops, mi correggo, come un pilastro – sulle speranze di chi ancora crede che sia possibile fare qualcosa per la salvezza dell’ambiente del Ponente Ligure.

Non c’era bisogno di un libro per capire che le cose da noi non si sono messe troppo bene: ovunque, da Sarzana a Ventimiglia è tutto un solettare, uno sbancare, un tripudio di plinti, di betoniere, di cazzuole e di mattoni.
Nel ponente ligure ciò è ancor più manifesto. Da almeno 30 anni la sottile striscia di terra compresa tra il mare e i tre chilometri dalla riva non esiste più. Francesco Biamonti era stato uno dei primi ad accorgersene.

Nessuno però aveva ancora avuto l’ardire di dirci perchè e come ciò avviene. Il libro di Preve e Sansa ha il grandissimo merito di descrivere le trame, i giochi, gli artifizi, le fondamenta vere e proprie dell’edilizia nel Ponente.
Ne emerge una rete di poche “raffinatissime” menti senza molti scrupoli, che, nel giro di qualche anno, da qui al 2010, cambieranno i connotati, la faccia di una terra che considerano sempre di più come una loro proprietà privata.
Il futuro volto della nostra regione e del Ponente ligure è nei progetti di un gruppo di costruttori, imprenditori, banchieri (e qualche sottana porporata) fortemente collegati con la politica e le istituzioni, idolatrati dai media locali.

Qualche dato. Sono tre i milioni di metri cubi di nuove costruzioni che a breve vedremo spuntare da Sarzana a Ventimiglia. 37882 metri quadrati di edilizia residenziale, 51601 di uffici e negozi, 19122 di alberghi, 33918 per le attività di artigianato, 11007 per i posti auto. Queste le cifre approssimate presumibilmente per difetto, del futuro ligure, a fronte di altre che si approssimeranno invece per difetto, ovvero la popolazione che continua a diminuire (da 1.593.136 abitanti nel 2005 ai presunti 1.435.361 del 2025). Dunque non si spiega chi occuperà quei soleggiati loft, quegli splendidi “bilocali a due passi dal mare” di Borgo Lampedusa, di “Baia Verde” a Ospedaletti, nemmeno cosiderando un cospicuo aumento dei trend dell’immigrazione.

E poi ci sono i porti. Secondo quanto hanno programmato gli amministratori locali, nei prossimi anni i liguri, oltre a riprodursi come conigli, si riscopriranno anche gente di mare, cosa che, soprattutto nel Ponente, non è mai stata. Nel 2000 i posti barca in Liguria erano 14500, ma oggi, nei 49 porticcioli, ci sono 20500 barche. Ma sono già pronti piani per un loro successivo aumento, con progetti finanziati da fondi europei. E bisogna considerare che i porti hanno un impatto ambientale ben maggiore di un condominio: il cemento scende direttamente in acqua, si appropria per la prima volta di spazi non tradiziomalmente umani, i più delicati per l’equilibrio degli ecosistemi marini. E dire che siamo nel “Santuario dei cetacei”: con tutto questo circolare di barche, motori, eliche e scafi, sinceramente, se fossi un delfino, mi terrei bene alla larga dal venire in Liguria. Il Santuario rischia di diventare un sacrario.
In provincia di Imperia sappiamo già che a Imperia nascerà uno tra i più grandi nel Mediterraneo, un altro a Santo Stefano al Mare sta per essere ultimato (sono nemmeno 6 miglia marine, con un buon ponente a vela si fanno in mezzora, hai visto mai che non sia una soluzione ai problemi di circolazione sull’Aurelia), poi agli Aregai, (cattedrale nel deserto ma ricca di boutiques per straricchi), poi a Ospedaletti (nonostante un vincolo ambientale driblato astutamente) infine, molto probabilmente a Ventimiglia, in barba a grotte marine, correnti e rare sorgenti sommerse che in tempi di siccità sarebbero una salvezza.

Infine ci sono i campi golf. In qualche modo devono pur divertirsi i futuri liguri. E allora bando ai vecchi giochi di paese, via le solite bocce e giù con mazze e caddy sulle colline di Castellaro, nel più artificiale dei divertimenti che l’uomo abbia mai inventato, uguale a Sidney come a Calcutta, per cui dove un tempo rotolavano le olive, ora corrono le top flite dei players monegaschi, con la sola differenza che non finiranno mai nella mola di un frantoio.

La “Speculazione edilizia” come la descriveva Calvino, è ormai un vago ricordo rispetto a quella di oggi. La differenza sta nel fatto che, se negli anni ’60 si costruiva spesso su iniziativa personale, privata, (dalla villetta di famiglia al condominio dei primi cumenda che investivano sul mattone), oggi l’aggressione è istituzionalizzata e quindi potenzialmente molto più dannosa, perchè avvallata dallo stesso meccanismo che progetta le “Grandi Opere” e la sostiene quindi come un progetto di “sviluppo” per l’intero territorio.
La politica, il potere si sono così compromessi con queste speculazioni che dagli organi di rappresentanza, dalle sedute elettorali e dalle associazioni di categoria non ci si può aspettare nessuna difesa, nessuna presa di posizione. Per questo, chi legge il libro di Preve e Sansa depone quasi immediatamente ogni speranza di cambiamento.

Non c’è spazio nelle istituzioni democratiche per contrastare gli uomini (e le donne) del cemento.
Marco Travaglio nella prefazione parla di Striscia di Gaza, ma almeno lì, seppure duro, c’è un confronto, c’è qualcuno che reagisce, nel Ponente ligure, invece, oltre alla generale assenza di opinione pubblica che caratterizza l’Italia intera, c’è una sorta di omertà, di interessata rassegnazione, come se da parte di ognuno ci si aspettasse prima o poi di approfittarne. Come se i liguri stessi avessero finalmente voglia di chiudere i conti con questa terra che li fa soffrire.

L’unico barlume resta l’iniziativa dei singoli, di chi vede le cose da un punto di vista un po’ diverso.
Anche di questi il libro si occupa, dedicando il capitolo finale a chi dice no, a chi propone alternative, per chiudere con un utilissimo prontuario per chi, magari in spiaggia o al largo, alla prima boa, vuole esercitarsi a scovare gli abusi.

6 commenti

Archiviato in Cose Nostre