Archivi categoria: Cronache del Sol Ponente

Ceci est la frontière, cheri

Che noia questa estate.
Al mare, in Riviera, si sbuffa. Sempre sole, sempre caldo, c’è sempre sto Caronte e i suoi fratelli nordafricani, bel tempo ovunque. Nemmeno un piccolo nubifragio, una “bomba d’acqua” che sventri qualche casone disabitato nel giro di 50 km da leggere sul giornale o ascoltare dal Tg.
Abbiamo tutti sfogliato tutte e 50 le sfumature di grigio e ora rimpiangiamo i film con la Fenech e la Bouchet: Rete 4, da quando Toti è stato eletto Presidente della Regione Liguria non li trasmette più.

Non ci sono nemmeno più i vacanzieri di una volta. Quei milanesi, quei torinesi, quei veneti che c’invadevano per due mesi e si portavano da casa anche la carta igienica. (Già, con le megaofferte ai centri commerciali a Taggia abbiamo tolto loro pure questo sfizio). Ora solo visite mordi e fuggi.

E allora? E allora dagli col razzismo. Dagli col clandestino, con il “magrebino di m…”, dagli con il “neger” di turno. E dagli con la patria, il “noi” e “loro” e compagnia bella. E’ il tormentone dell’estate.

Così ha fatto la sig.ra Elena Donazzan, Assessore all’Istruzione, alla Formazione, al Lavoro e alle Pari Opportunità della Regione Veneto.

In vacanza a Sanremo, la Donazzan ha subito il furto delle bicicletta. E’ un fatto purtroppo ricorrente dalle nostre parti. Con l’arrivo della ciclabile sono arrivati anche i ladri di biciclette.

Se, stanchi di sfumature o di sole cercate una lettura spassosa, leggetevi il post che la Donazzan ha fatto su Facebook: https://www.facebook.com/DonazzanElena?fref=nf
Lo copioincollo qui perchè tra un annetto non se lo ricorderà più nessuno:

Ore 2345. Io e Vittorio usciamo dal ristorante in centro a San Remo. Amarissima sorpresa! Ci hanno rubato le mountainbike che avevamo chiuso per bene col lucchetto. Troviamo solo uno dei due lucchetti. Dopo qualche secondo di sconforto ci monta la rabbia e iniziamo a ragionare. Ci viene in mente di chiedere a quelli che affittano le bici sulla più bella ciclabile d’Italia. Vittorio spiega ai più prossimi noleggiatori, che ci danno qualche indicazione , quanto ci fossero care affettivamente le nostre bici – la mia è vecchia ma me l’ha regalata il papà e quella di Vittorio é la sua fidanzata!!!- e si inoltra a cercare le due biciclette in mezzo ai magrebini ( cosa non semplice e piuttosto pericolosa a quest’ora…) in zona stazione . Nel frattempo io riconosco la mia bici con sopra un magrebino di m…..la MIA bicicletta. Lo blocco, questo scappa e io come una pazza urlo che il bastardo l’avevo individuato. A quel punto é guerra. Il patriota Vittorio inforca la mia bici e a seguito di segnalazioni di una ragazza di Perugia che si ferma con la sua auto – certamente una Patriota in questa guerra tra stranieri ladri,malviventi e noi italiani – si mette a caccia della sua Specialized e dell’altro bastardo.In mezzo al buio in una zona distante dal centro becca tre magrebini, si fa giustizia da solo e riporta a casa l bici tra lo stupore dei noleggiatori autoctoni ….risultato : Magreb 0 Italia 2 ( le nostre bici tornate a casa) 1 in fuga….diciamo che i magrebini non avranno più tanta voglia di rubare le nostre bici se avranno il dubbio che vi sia un Patriota Camerata pronto a farsi giustizia.
Viva l’Italia e gli italiani che non piegano la testa.

Il resoconto è dettagliato come un cinegiornale dell’Istituto Luce. Il “Patriota Vittorio” ha fatto giustizia. I “magrebini di m.” dovranno cercarsi un’altra occupazione: finchè Vittorio sarà in giro nessuno ruberà più una bicicletta.
Chissà se il Patriota Camerata riuscirà anche a risolvere il problemi del ponente ligure, che so, il lavoro, gli incendi, il lotto 6 di Collette Ozotto.
Ma meglio non provare: tentammo già questa strada 80 anni fa e sappiamo tutti com’è andata a finire.

Sarà per questo che poi la Donazzan nel post successivo s’è scusata? Per un errore di mira politica? Oppure per la marea di insulti a sfondo razziale? O perchè qualcuno nei commenti successivi le ha fatto “gentilmente” notare, con lo stesso tono e linguaggio che stava scrivendo delle cavolate? Chi di facebook ferisce di facebook perisce. Ecco le scuse della Donazzan:

Alle anime belle che si sono scandalizzate per il linguaggio, voglio solo dire che ero molto, ma molto arrabbiata. Insomma, trovarsi di sera tardi in mezzo a della gente dedita a spaccio e furti e dal coltello facile,non rasserena di certo.
Tanti sono stati coloro che mi hanno raccontato episodi analoghi, insicurezza crescente dovuta quasi sempre alla presenza non ordinata nè controllata di stranieri. Mi chiedo se il linguaggio sia stato troppo forte per questa situazione insostenibile, non solo per me, ma per tutte le persone che vogliono vivere tranquille.

Sarà, ma le scuse sono ancora peggio del post. Le  sue scuse sono il solito modulo di moda in questi tempi, del tipo: “Sono stato frainteso”, “Ero molto arrabbiato”. Nessuna retromarcia per aver collegato ad un fatto di cronaca degli insulti razzisti, nessuna scusa per aver incitato l’odio razziale.

Da “patriota” del ponente ligure questo posso dire alla Donazzan: it’s the border baby. Ceci est la frontière cheri. Questa è la frontiera, cara.
Se invece che sedere tranquilla in un bel ristorante di Sanremo scendessi per strada a Ventimiglia, ti accorgeresti di come brucia. Qui non si scherza, qui parole che senti ronzare come Schengen, Dublino 2003, sans papier, passeurs, sono realtà.
Anche quando vai in vacanza a Sanremo, non smetti di essere assessore. Per di più. all’Istruzione.

Annunci

4 commenti

Archiviato in Cronache del Sol Ponente

In macchina sulla ciclabile Area 24

L’altra sera in tv ho visto qualcosa di davvero assurdo. Non era tardi, era in fascia protetta, alle 20.30,  con i bambini e famiglie davanti allo schermo.
C’era un’auto che correva su libera una pista ciclabile.
Mi sono scosso, stropicciato gli occhi: non poteva essere. Pensavo fosse uno scherzo. Eppure quella nelle immagini era una pista ciclabile, ne ero sicuro. Quella curva, quel parapetto, quel mare, li riconoscevo. Era tutto vero: era la ciclabile Area 24, poco dopo Santo Stefano al Mare.

La Fiat (d’ora in poi dovremmo chiamarla “FCA” – senza la “I”, come dice Crozza) ne ha fatto un’altra: lo spot della nuova Fiat Punto Lounge è stato girato sulla Pista Ciclabile Area 24, esattamente nel tratto tra Santo Stefano al Mare e San Lorenzo.

Nelle immagini, la Punto scorrazza ad alta velocità sulla pista ciclabile deserta, mentre sullo schemo compaiono le dotazioni di serie, Tom Tom Go Live, lettore radio CD/Mp3 con comandi al volante ecc. (Non eccezionali mi sento di dire, le auto giapponesi ce le hanno da anni, Marchionne: svegliati!).
Una musichetta allegra accompagna il tutto. Come uno che mi stia raccontando un segreto: ps…ps… passo di qui, sul mare, tanto non c’è nessuno, che m’importa se è riservato alle bici? Come nella peggiore delle commedia all’italiana.
Guardate lo spot qui: https://www.youtube.com/watch?v=3iDy00Mf-i0&feature=youtu.be

Mi sento particolarmente ferito da questa reclame, forse perchè mi offende due volte, come come ciclista e come ponentino.

Come ciclista e attivista Fiab, perchè così vanno in fumo mobilità sostenibile.  Proprio recentemente ho partecipato ad un convengo (ad Arma di Taggia, a due passi da Area 24), in cui si parlava della pista ciclabile Area 24, definita il fiore all’occhiello delle ciclabili in Italia, e come tale promossa all’estero.
Oggi, anzichè vedere realizzati i buoni propositi di quell’incontro (promozione su canali di turismo “slow” su scala europea, convenzioni con le strutture ricettive ecc), vedo la ciclabile percorsa da un’auto e mi chiedo: ma che penseranno i danesi, i tedeschi, gli inglesi e i norvegesi che vedono tutto su youtube? Che su Area 24 circolano le auto? E’ questa la promozione del territorio tanto desiderata e annunciata?

Il danno d’immagine non è trascurabile. La pista ciclabile Area 24, è da molti considerata la più bella d’Europa e come tale è stata candidata al concorso per la migliore greenway europea. Il tratto tra San Lorenzo e Santo Stefano al Mare, dove lo spot è stato girato, è ormai inconfondibile. Chi lo vedesse, in Italia e all’estero potrebbero credere che sulla ciclabile Area 24 possono correre le automobili.
E non c’è nulla di più sbagliato. Ciò contribuisce alla solita confusione all’italiana, al solito pastrocchio. Consentire riprese del genere è stato a dir poco opportuno: si rischia di vanificare la promozione ecosostenibile del territorio che le amministrazioni perseguono con tanto impegno (come fece qui Sanremo http://adbgenova.it/it/homepage/notizie/sanremo-la-pista-ciclabile-piu-bella-d-europa ).

Come figlio del ponente ligure lo smacco non duole di meno. Quando venne dismessa la ferrovia a mare, ci vollero anni perchè su quel tratto di binari venisse fatto qualcosa. Visti i precedenti in speculazioni edilizie, si sperava nel meno peggio. Molti volevano metterci le mani: industriali, albergatori, costruttori, palazzinari e politici. Qualcuno, l’onorevole a sua insaputa, propose la soluzione a tutti i mali: una metropolitana di cristallo o una corsia supplementare all’Aurelia.
Quando arrivò la notizia che vi sarebbe stata costruita una lunga ciclabile non credetti ai miei occhi:  per una volta si progettava qualcosa di respiro internazionale e non una miope scelta locale; una volta tanto si gettava la provincia di Imperia in Europa. Area 24 è il simbolo di una battaglia vinta contro il degrado (ambientale e culturale) di una parte di Liguria e d’Italia, una cosa che non possiamo permettere venga inquinata dallo spot di FCA, società originata da quella FIAT che ha condizionato e condiziona attualmente la mobilità in Italia.

Ora, mi chiedo, accadrà ancora? Davvero siamo condannati a marcire in un abitacolo con Tom Tom Go Live, lettore radio CD/Mp3 ecc., quando fuori ci sono agavi, mare e gabbiani? Ma davvero riusciamo a godere di quel mare solo dal finestrino di un’auto? Ma la leggerezza e la spensieratezza, quella musichetta allegra di quello spot, sono possibili soltanto in macchina? E, peggio, se qualcuno un giorno ci andasse davvero in macchina, su quella strada, per accorgesi poi che è una pista c-i-c-l-a-b-i-l-e?

Lascia un commento

Archiviato in Cronache del Sol Ponente

La zattera di Ginestra

Tutto cominciò senza che nessuno se ne accorgesse. Qualche strada di campagna interrotta, alcuni maxei, i muretti a secco che, come i corsetti di una vecchia signora, da sempre arginano gli anni che avanzano, venuti giù e mai ripristinati, qualche crepa nei solai dei villini in collina ad inquietare i proprietari. Ma era un’abitudine e nessuno se ne lamentò.

Poi i treni cominciarono ad accumulare ritardi e l’autostrada ad aumentare le tariffe, andare nel Ponente Ligure, in provincia di Imperia, diventò sempre più costoso e impegnativo in termini di tempo e denaro. Come se le strade, le vie per raggiungere Imperia e Sanremo, si stessero improvvisamente allungando.

Ma pochi ci credevano: era tanto l’amore per la loro terra che continuavano a pendolare o a tornarvi spesso, ad ogni costo.

I sospetti ebbero la tragica conferma un giorno piovoso di gennaio: un terrazzo probabilmente abusivo, costruito a picco sulla ferrovia è crollato sui binari trascinandosi metà della collina. Un treno è deragliato e s’è sfiorata la tragedia.
L’Aurelia poi, da millenni l’unica via di comunicazione, era interrotta a causa di una frana proprio nei dintorni di Andora. Da allora la ferrovia è chiusa e quel treno giace ancora lì, come un relitto. Fu così che, a Imperia, abbiamo perso il treno e anche la ferrovia. Non resta che la statale, che costringe a lunghe peregrinazioni nelle campagne.

Qualcuno ha detto che se non fosse stato quel terrazzo a crollare, sarebbe successo a qualcos’altro, un villino, un palazzotto edificato negli anni ’60 in prossimità dei binari e la statale prima o poi sarebbe anch’essa venuta giù, dimenticata di fatto dall’ANAS.

Certo che solo allora nella mente di ingegneri, architetti, geometri e in quella dei pendolari, quelli che tutti i giorni vanno  e vengono in questa terra, s’è instillato il dubbio: ma che succede? E se il Ponente si stesse allontanando? E se la provincia di Imperia si stesse separando dal resto della Liguria?

No, apparve a tutti un’idea impossibile. Giornalisti ed esperti ci misero un po’ a convincersene. Poi qualcuno consultando le immagini dal satellite se ne accorse. In realtà, voleva solo vedere le previsioni meteo per il weekend: ma fu proprio allora che, apertosi un grosso buco nelle nuvole proprio in corrispondenza di Sanremo, si ebbe la tremenda conferma: il Ponente Ligure era diventato un’isola, s’era staccato. Non c’erano più dubbi: da Cervo a Ventimiglia la terra s’era allontanata dal resto dell’Italia.
Anzi, dal resto della Liguria, perché un pezzo di questa rimaneva attaccato: la frattura correva lungo il tracciato dell’A 10. Era una linea di confine perfetta, da ricalcare sulle cartine.

Nessuno si spiega come la cosa sia potuta avvenire. Nessun cataclisma, nessun movimento tellurico, nessun terremoto. L’unica piccola faglia, quella che corre sotto Bussana e che tanti lutti aveva causato nel lontano 1887, non è mai stata così tranquilla. La mente corre altrove, in Indonesia, Messico oppure California, dove sta accadendo la stessa cosa: ma a San Francisco sono più attenti, preparati, attendono da anni “the Big One”, il grande terremoto che li staccherà dal resto del continente.

Infine anche i politici, per ultimi, sono stati costretti a prenderne atto: il Ponente, come una zattera, sta allontanandosi, va alla deriva.
La “zattera di Ginestra”, così hanno cominciato a chiamarla, perché la zona dove s’è staccata, ai confini dell’A 10, d’estate, è gialla di ginestre fiorite.

Ma perché è successo? Possibile che nessuno se ne sia accorto? Forse l’incuria di anni, forse troppe speculazioni sul territorio e molte meno sulla gente che lo abitava, pochissimi scrupoli sull’ambiente e molti di più sui conti del Casinò, hanno amputato alla Liguria una delle sue estremità. Ma nei palazzi non hanno pensato a correre ai ripari: hanno invece cominciato il solito balletto delle responsabilità. Una parte accusava l’altra di aver mollato gli ormeggi per i propri tornaconti; l’altra di navigare a vista, senza rotta, da decenni. Qualcuno ha detto che si voleva imitare il vicino esempio monegasco con risultati fallimentari: anche lì, a Montecarlo, infatti, esaurito lo spazio per i palazzi sulla costa, stanno pensando di creare un’isola in mare per costruirne altri.  Ma loro possono farlo.

Un noto politico ha proposto di stendere grandi funi e tirare, tutti insieme, per riattaccare la zattera di Ginestra. Ma, a sua insaputa, dall’Italia nessuno aveva intenzione di tirare per riattaccarsi città e comuni intossicati da infiltrazioni di ‘ndranghetisti, nemmeno durante il famoso Festival: aderì solo qualche massone e una decina di pensionati torinesi.

Ora, ci si chiede dove la zattera di Ginestra stia andando.
Subito s’era avvicinata alla Francia. A bordo si pensava che un buon posto fosse il Golfo di Saint-Tropez: nemmeno troppo lontano, appena dopo Cannes, un posto pieno di palme e Casinò. Ma appena avvistata la zattera, da terra hanno risposto un secco “No”, dicendo essere già stati saccheggiati dagli imprenditori italiani e dalla mafia. Oltre il danno la beffa: proprio così s’erano difesi a Taggia dai pirati che arrivavano proprio da Saint Tropez.

Ora la zattera punta a sud. Ma Corsica e Sardegna hanno già chiuso le capitanerie: i primi sono stanchi dei parigini, i secondi dei milanesi.
L’unico disponibile ad un attracco, seppur temporaneo, è stato il porto di Gioia Tauro, in Calabria. E non costerebbe  nemmeno troppo sforzo: confrontate le coste di quel tratto  e quelle della zattera del Ponente. Combaciano perfettamente.

2 commenti

Archiviato in Contromano, Cronache del Sol Ponente

Le mani sulla montagna

No, non è un sequel de “Le mani sulla città” di Rosi, il film che nel 1963 denunciava i meccanismi della speculazione edilizia, mai applicati alla perfezione altrove come nel Ponente Ligure. Semmai ne sembra più una sua versione cinepanettonara, con gli stessi protagonisti, i Boldi e i De Sica di turno, impegnati a sfregiare la montagna dopo essere passati, come Attila, prima al mare e poi in città.
Perchè di questo si tratta: dopo aver rosicchiato tutto il possibile sulla costa, prima con i condomini, poi con le seconde case ed infine con i porticciuoloni, i nostri “eroi” si sono spostati sui monti, alla ricerca del loro solito miraggio turistico, (che per il territorio invece è triste presagio) quel circolo vizioso fatto di investimenti, strutture, servizi ed edilizia che continuano a chiamare sviluppo ma che è sempre più tristemente lontano dal progresso.

L’ultimo episodio di questa guerra al territorio è Monesi, dove il binomio neve-turismo-speculazione ha già duramente colpito negli anni ’60 – ’70.
Per lavoro, mi è stato chiesto di scrivere un testo promozionale per il sito del turismo della Regione Liguria: http://www.turismoinliguria.it.
La stagione fredda è agli inizi, tutti scaldano gli sci e progettano settimane bianche. E occorre promuovere anche i magnifici impianti sciistici e i poderosi skilift della Liguria. L’offerta in Italia è ampia, c’è da sgomitare sulla neve. Pensate solo al Piemonte con Limone o Sestriere o Prato Nevoso, alla Lombardia con Aprica e Bormio, fino al Veneto con Cortina D’Ampezzo. L’impresa è quasi biblica, da Davide contro Golia, ma la Regione Liguria, applicando un po’ il modello “federalista” che va per la maggiore un po’ dappertutto (in sanità, per esempio), vuole evitare al massimo l’esodo dei propri abitanti verso altri lidi e lanciare chiaro e forte il messaggio “La neve ce l’abbiamo anche noi”, insomma.
Solo che le altre regioni del nord hanno molte possibilità d’offerta, mentre in Liguria, nel Ponente Ligure, in particolare, tutto è concentrato in un solo luogo: Monesi. Che a Genova ci credano lo dimostra il recente ingente stanziamento per finanziare il secondo tratto della seggiovia in progetto a Monesi: di due milioni di euro.

Ma il problema è sempre il solito: è questa la direzione più giusta?
E’ giusto per 30 – 40 anni di sviluppo convertire irreversibilmente aree la cui destinazione è definita da migliaia di anni, travestendole di una vocazione che ha già fallito negli anni ’70.

Tuttalpiù di 30 – 40 anni si tratta: trasformare un luogo da agro-pastorale a turistico non è poi molto complicato, basta investire sulle strutture adeguate. Ma le strutture necessarie allo sci sono impattanti, non si parla solo della seggiovia, anche dei condotti per la neve artificiale che arriveranno per compensare il poco innevamento. E allora, perchè farlo se per i cambiamenti climatici stanno portando sempre meno stagioni nevose a Monesi?
Per cambiare il territorio ci vogliono pochi anni, per cambiare il clima, ci vogliono decenni, forse secoli. I tempi dell’uomo e quelli della natura non coincidono mai. Per cui, se a Monesi gli ultimi inverni hanno regalato una cospicua coltre di neve mentre il decennio prima la stazione era data definitivamente per perduta, è conveniente investirvi somme ingenti per far ripartire la stagione? Non si può pagare uno sciamano perchè faccia nevicare. Il rischio è investire, in tempi di spending  review e tagli, in qualcosa di effimero e vacuo come un fiocco di neve, che può anche non cadere.

Sul sito di Regione Liguria si può seguire per bene tutta la vicenda:
“Il costo dell’opera è di circa tre milioni di euro, di cui 800 mila euro da parte della stessa Provincia di Imperia. – Sia pure in zona ‘Cesarini’, tenuto conto delle incertezze legate alle possibili ricadute, anche sul territorio ligure, dei tagli e degli accorparmenti delle Province, insieme all’Amministrazione Provinciale di Imperia, la Regione Liguria ha  segnato un punto molto importante per la valorizzazione del comprensorio sciistico del Ponente ligure” ha commentato Cascino.”

Viene da chiedersi perchè tanta fretta per questa operazione di rilancio, proprio dopo che un decennio di latitanza della neve avrebbe fatto desistere chiunque. Suona come costruire stabilimenti balneari dove il mare si è ritirato, o nel Sahara. Perchè nessuno ci ha mai pensato? Forse non conviene.
La società gestisce Monesi, la Alpi Liguri Sviluppo e Turismo S.r.l., che doveva essere liquidata in seguito alle pesanti perdite, ha affidato la realizzazione della seggiovia alla Doppelmayr Garaventa S.p.A, un colosso svizzero degli impianti a fune. Ma chi usufuirebbe realmente di questi ultimi finanziamenti elargiti dalla moribonda Provincia di Imperia.

Perchè investire su questa vera e propria TAV alle pendici del Saccarello? Perchè invece non spendere (ops, si dice “investire” ) in progetti sulla cultura brigasca, o attività di turismo verde o eco-compatibile, la cucina bianca?
Le nostre montagne hanno la loro storia, la loro cultura, perchè asfaltarle per creare nuovi scenari da cinepanettone?

11 commenti

Archiviato in Contromano, Cronache del Sol Ponente

U Bama reloaded

U Bama ce l’ha fatta. Ancora una volta mio padre porterà mia madre fuori a cena per festeggiare.
In quattro anni è già successo due volte. Il mondo sta cambiando. Ma troppo lentamente. Ci sono ancora tanti problemi da risolvere. Perchè occuparsi di Medio Oriente, Africa, Iran? Partiamo dal piccolo, dal Ponente Ligure.

Ecco qualche suggerimento, cose facili da fare:

Dare un nome giusto alla nuova provincia: Saveria, Impona, Savona Tauro o Vibo Imperia?

Legalizzare le cosche e le ‘ndrine, combattere lo stato.

Favorire in tutti i modi le energie pulite, come l’autocombustione. Specie in bar nei cantieri e nei boschi

Aprire un centro commerciale marziano a Taggia per fermare l’invasione della Cina

Aprire una sede di Equitalia nel Casinò di Sanremo e una sede del Casinò in Equitalia

Porticcioli turistici: ripristinare le repubbliche marinare. Genova, Venezia, Pisa, Amalfi. E Imperia.

Mercato dei fiori: lancio di una nuova coltura che rivoluzionerà il mercato, il Ruscus Marijuanae.

Politica: Beppe Grillo ha attraversato lo stretto; il prossimo sindaco della Città dei Fiori dovrà correre la Milano – Sanremo

Al lavoro U Bama, devi meritarti il Nobel.

3 commenti

Archiviato in Cronache del Sol Ponente

Un mare di colori

Per chi lo conosceva, non era un mistero: Claudio dipingeva benissimo. Il pennello era per lui ferro del mestiere sui cantieri di Villefranche e Montecarlo ma anche una parte della sua anima, una delle tante protesi con cui affrontava il mondo. Claudio Mingherlino, scomparso la notte di Capodanno in un incidente stradale, per vivere faceva l’imbianchino, ma in realtà era un ottimo pittore. I suoi dipinti saranno in mostra venerdi 20, sabato 21 e domenica 22 luglio 2012 a Ventimiglia Alta, nel Chiostro del Convento delle Suore dell’Orto (vicino Piazza della Cattedrale).

Non è stato facile raccogliere tutte le sue tavole. Claudio le regalava un po’ a tutti. C’è voluta la caparbietà di suo fratello Luigi e il contributo di tanti per fare una mostra. Eppure non bastano per raccontare tutto ciò che era, tutti i suoi eteronimi, le sue contraddizioni: perchè oltre che imbianchino- pittore, era anche un frontaliere senza confini. Il suo soggetto preferito era il mare. Ritratti del mare della Liguria, gozzi eoliani tirati in secca, borghi liguri crepuscolari e vedute delle Calandre e degli Scoglietti, di prima che iniziassero i lavori per il Porticciuolo. Claudio aveva capito quello scempio e gli era fieramente avverso. Fece parte del comitato che vi si oppose e conservare quell’ambiente con la pittura era il suo modo di combatterlo: civile e intelligente.

Amava la musica, progettava una trasmissione notturna alla radio, di quelle che deve proprio piacerti per ascoltarla, sottraendo un po’ di tempo al sonno. Era alla continua ricerca del riff, dell’assolo giusto per il momento. Sapeva farlo in modo critico e creativo. Per mentelocale aveva scritto questo bellissimo pezzo sul 40° anniversario di Sgt Peppers Lonely Hearts Club Band, dei Beatles, situando le canzoni nel Ponente Ligure.

Era uno sportivo straordinario. Conservava nella memoria i triathlon a cui partecipava come poemi epici in cui ognuno era un eroe. C’era sempre un Ettore, un Odisseo, una salita ciclopica da affrontare. Conosceva il tallone di ogni Achille e sapeva come affrontarlo.

Era un passeur metafisico. Taciturno come Biamonti e psichedelico come De Chirico. E, da vero passeur, conosceva tutti i sentieri che oltrepassavano la frontiera.
A volte gli telefonavi: Dove sei Kla, ce ne andiamo un po’ al mare?, No, mah, sono a Gouta, sul sentiero per Testa d’Alpe, Ma da solo? E’ un posto da lupi!, Sì, rispondeva, Ma giù in spiaggia è pieno di sciacalli. Oppure era da qualche parte tra Bevera e il Roja; gli piaceva in particolare il Rio Bendola, perchè quell’acqua nasce in Italia, sul Grai, poi passa la frontiera e diventa francese. Come lui.

Fuggiva da qualcosa. Come tutti. Si allenava, aveva imparato dove scattare e lasciare indietro quell’avversario maledetto. A volte la distanza tra loro era pochissima; ma proprio quando l’uomo nero stava per prenderlo, ogni volta Kla trovava come scappare. Con la pittura, la musica, lo sport. O alle Calandre: l’arrivo della sabbia era un’appuntamento irrinunciabile. Verso le 17 si guardava intorno, faceva le squadre con un talento da player manager. Sfide quattro contro quattro che finivano ai supplementari, ai rigori, anche se il giorno dopo c’era il triathlon a Beaulieu.

Era il Bardamu del Viaggio al termine della notte, il compagno più fedele di Odisseo, il Murinho de noantri, il Chisciotte di Roverino. L’emigrante du rie cun i cioi in ‘nt’i euggi di Creuza de ma.

Oggi, sono in tanti a chiedersi dove sia adesso. Di più, forse, crediamo che non se ne sia mai andato. With a little help from my friends. Wish you were here Claudio.

5 commenti

Archiviato in Contromano, Cronache del Sol Ponente, Letture, Visioni

Vorrei che tu fossi qui (Wish you were here Claudio)

Allora, com’è lì? Pensi di riuscire a raccontarlo?
Paradiso o Inferno? Cieli blu o dolore?

E dimmi: c’è un prato verde o soltanto un freddo guardrail?
E si ride da quelle parti?
Allora, pensi di potercelo raccontare?

Oppure, hanno cercato di far passare i tuoi eroi per fantasmi?
Ci hanno venduto alberi, e invece era solo cenere.
Qui c’è un’afa che appena si respira e loro ci dicono che è aria fresca.
Per questo tu hai preferito un ruolo da passante in una guerra piuttosto che uno da protagonista in una gabbia. Comodo ma – come dire – poca soddisfazione.

Oh, come vorrei, come vorrei che tu fossi qui.

Siamo stati due anime perse che nuotavano nella stessa boccia, come due pesci rossi.
Per anni a correre su questa vecchia terra.
E che cosa ci abbiamo guadagnato?
Le solite vecchie paure.

Oh, come vorrei che fossi qui.

(da Wish you were here,  Roger Waters)

Wish you were here Claudio
http://www.ilsecoloxix.it/p/imperia/2012/01/02/AORWIRbB-galleria_schianta_bevera.shtml

1 Commento

Archiviato in Ascolti, Centroterra, Cose Nostre, Cronache del Sol Ponente