Arma anomala

Tutto è pronto, ad Arma di Taggia, per l’onda anomala che colpirà la costa domani a mezzogiorno in punto.

L’onda è stata predetta da una veggente, una vecchina che da settimane si aggirerebbe scalza nei dintorni del Convento dei Capuccini di Taggia, in preda a crisi mistica da sardenara. Dapprima scettici, gli abitanti hanno poi cominciato a crederle: tanto che in paese sono comparsi manifesti su come prepararsi al meglio al maremoto. Non senza aver fatto prima i debiti scongiuri.

Dapprima, in tutti i modi s’è cercato di convincere la vecchina a cambiare vaticinio.
La promessa di portarla a Sanremo in via Matteotti e regalarle un paio di stivaletti in pelle D&G non avrebbe fatto altro che aggravare le cose: la signora, entusiasta, ha detto di voler fare la vasca anche ad Arma.
Nemmeno il priore del convento, padre Onorio Ghu, sarebbe riuscito a convincerla: la signora voleva in cambio che Caltagirone cominciasse un porticciuolo turistico a lei dedicato vicino alla grotta dell’Arma. Il consiglio provinciale sta ancora valutando la possibilità, che farebbe anche da volano alla crisi del porto di Imperia.

Inizialmente allarmati, gli armesi hanno dunque cominciato ad abituarsi all’idea, tanto che oggi, a poche ore dal disastro annunciato, quasi nessuno ci crede più. Da queste parti, infatti, le cose sono alla deriva da sempre, da anni si è sottacqua: i politici a galla sono sempre gli stessi, il turismo è annegato, la floricoltura sta asfissiando. Pfu!, Non sarà una banale onda anomala a cambiare le cose.

Anzi, i negozianti di Arma sembra non aspettino altro: da tempo si parla della nuova passeggiata con tanto di plastici e progetti di assessori e sindaci, ma non se n’è mai fatto nulla. Forse l’onda porterà via quanto basta di lungomare da far partire il cantiere.
In una nota, un comitato della lega armasca antitaggia spera pure che la marea sollevi Arma come una zattera e la porti su, più a nord di Taggia risolvendo così il problema annoso del toponimo: se Arma di Taggia o Taggia di Arma. Un ponte romano alla Darsena sarebbe inutile.

La parola tsunami, termine giapponese dal significato originario di “onda del porto”, un po’ per l’indubbia assonanza, un po’ per la familiarità dei tabiesi con le lingue orientali, è poi ufficialmente entrata nel dialetto taggiasco.
– Bongiurnu, in èttu de pan e mezu chilò de tsunami – dicono le massaie nei portici del Pantan.
– Tsuman gh’è da pagà a bulletta de l’aiga – mormorano le casalinghe.
Funzionerebbe benissimo anche per gli appuntamenti: Sciortu de cà quandu tsuna tre ue au campanìn.

In occasione dell’evento, per non venir meno alla vocazione che caratterizza il sabato taggese negli ultimi anni, i centri commericali di Taggia promuovono grandi offerte. Al Carrefour si può acquistare in offerta speciale un kit con pinne, fucile ed occhiali al prezzo scontatissimo di pochi euro. Le Clerck Conad non è voluto essere da meno: vi si potranno comprare due fustini di Lavasbianca al prezzo di tre. Casomai qualcuno volesse approfittare dell’onda e fare il bucato.
Per chi è attento alla linea e vuole salvarsi dallo tsunami, invece, entrambi propongono la maxi offerta di Danone Vitasnella: l’acqua che elimina l’acqua. Ovunque sono andati a ruba canotti e gommoni di Winnie the Pooh.

In comune non sembrano preoccuparsi più di tanto: è risaputo che fa acqua da tutte le parti.

Per ora l’unica possibilità che la vecchina scalza abbia torto è che venga rispettato un detto molto comune da queste parti: Nemo propheta in patria est.

Annunci

7 commenti

Archiviato in Cronache del Sol Ponente, ZirichilTaggia

7 risposte a “Arma anomala

  1. Pingback: Tzunarma di Taggia | il blog di Giorgio Montanari - Consigliere Comunale a Imperia

  2. Jo

    Arma boh ke dire andiamo tt a triora

  3. oggianni

    forse è la volta che gli armaschi accetteranno di buon grado l’annessione a Taggia.

  4. zio tom

    fusse ca fusse a vota bona che a sanremu u se leva in po de rumenta e ca famu a sede nova de l’r.t.

  5. Pingback: Onde, scie e altre fesserie « Alessandro Lanteri's Blog

  6. Ci mancava solo questa! Che mi hanno raccontato solo ieri. In provincia di Imperia non ci facciamo mancare proprio nulla!

  7. giarevel

    Sono le 18.15 e ancora non s’è visto nessun Arma – geddon. Sarà la solita bufala?
    Forse bisogna impergnarsi un po’ di più che aspettare un’onda anomala per far cambiare le cose a Ponente…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...