Un grande balzo per un uomo un piccolo passo per la civiltà

Caro Mr.Neil Armstrong, primo uomo sulla Luna, mi conceda di storpiare la frase con cui lei ha sceso il predellino dell’Apollo 11, perchè ciò che sto per annunciarle è qualcosa, ahilei, di gran lunga molto più importante di qualsiasi allunaggio o simili (che tanto non si sa nemmeno se sia vero che ci siete stati sulla Luna: siamo nella nuova età del dubbio).

Ebbene, so che storpiare quella frase storica è come photoshoppare la cellulite su Marylin Monroe ma ogni nuova avventura dell’assessore all’ambiente della provincia di Imperia Bellotti è certamente degna del sacrilegio.
E, non possiamo dire che stavolta abbia superato sè stesso perchè nessuno sa che cosa il futuro ci aspetti.

I problemi relativi all’ambiente della provincia di Imperia sono molti, ma le cronache recenti ne riportano due in particolare: quello, annoso, dei rifiuti, e quello recente dell’elettrosmog.
Sui rifiuti in queste pagine s’è detto moltissimo, ma giova ripeterlo: la provincia di Imperia viene mantenuta volontariamente in uno stato di arretratezza cronica che avvantaggia alcuni potenti, in particolare il gruppo Biancamano del sig. Pizzimbone e la Idroedil del sig. Ghilardi. Tutti i tentativi di realizzare un piano rifiuti che comprenda raccolta differenziata, riutilizzo e riciclo dei rifiuti sono falliti o stanno fallendo proprio per questo motivo. I comitati locali e le associazioni hanno promosso in questi ultimi mesi incontri e convegni con esperti (qui e qui), presentando casi virtuosi per promuovere alternative al sistema in vigore. Le autorità provinciali li hanno bellamente evitati o si sono fatte negare alle telefonate di invito.

Il problema dell’elettrosmog ha impegnato diverse famiglie che si sono schierate contro una gigantesca antenna innalzata in via Don Minzoni a Imperia (qui), a due passi da scuole materne ed elementari e in una zona ad alta densità abitativa (più sù c’è anche la villa de U Ministru, ma forse la sua scorta riesce ad allontanare anche le radiazioni ad alta frequenza). Battaglia persa: la mattina del 3 novembre due tecnici e una 30 di carabinieri hanno montato l’antenna per Ericsson e Vodaphone.

Ora, caro Neil, nello spazio lei avrà visto cose che noi umani non possiamo immaginare, ma le imprese dell’assessore superano di gran lunga la nostra immaginazione: il 24 e il 25 novembre 2009, in due sedi separate, prima a Imperia e poi a Bordighera, con un prodigioso balzo di una trentina di chilometri, Bellotti tratterà, in una conferenza di una mattinata  (con coffee-break alle ore 11 in punto) entrambi i temi, tanto al chilo.
L’evento avrà titolo “Riflessioni ed esperienze su raccolta differenziata e campi elettromagnetici in Provincia di Imperia”, il programma è qui.

Mi segnala poi Gian Marco che l’assessore, con un altro prodigioso balzo, sarà impegnato, lo stesso 24 novembre pomeriggio, dalle 15 in poi (con coffee break alle 16.30)  nella conferenza “Il valore sociale della relazione con il cane: riflessioni, esperienze, prospettive a confronto con il territorio imperiese” (qui il volantino).

Si immagini lei che cosa accadrà martedì prossimo in quell’aula Magna dell’Università a Imperia: vasetti di yougurt, bottiglie di birra e imballaggi di plastica non avranno nemmeno avuto il tempo di concludere la loro orbita e atterrare nelle pattumiere colorate della differenziata dell’assessore che verranno investiti da fasci di radiazioni ad alta frequenza dei telefonini UMTS, mentre orde di labrador e spinoni correranno da una parte all’altra assecondando il noto riflesso di Pavlov.

Chi lo sa, forse subiranno mutazioni genetiche e ci troveremo a combattere un blob di percolato di Ponticelli, oppure dovremmo fronteggiare all’invasione dei soliti ultracorpi che continuano a votare le stesse persone che da anni si adoperano per non risolvere gli stessi problemi.

Annunci

2 commenti

Archiviato in Cose Nostre

2 risposte a “Un grande balzo per un uomo un piccolo passo per la civiltà

  1. rox

    sono anni ormai che i cittadini si lamentano della raccolta dei rifiuti, in generale e della differenziata in particolare. L’amministrazione, che toglie cassonetti, li cambia quando le pare, li modifica poi poco dopo rivettandoli per far perdere tempo ai cittadini che devono gettare la plastica e non coglie i messaggi dei cittadini, che per provocazione lasciano i sacchi dei rifiuti domestici nei cestini delle aiuole.
    Poi però giubila per l’esperimento alle ferriere, quale sia il motivo di tanto vanto non si sa.
    Io stessa proposi, anni addietro, un sistema di raccolta porta a porta come a Genova, o una riduzione della TARSU in base al peso annuo riciclato, come a Finale Ligure, lo stesso fecero i verdi nel successivo consiglio comunale.
    Siamo stai garbatamente invitati a farci i fatti nostri, e l’assessore ai tempi non era Bellotti…
    Ancora bene che la chiamano democrazia.
    Grazie per avermi dedicato il suo spazio.

  2. giarevel

    Grazie a te Rox, condividiamo gli stessi problemi, le stesse frustrazioni. A volte penso che la questione rifiuti rappresenti ben più che un problema moderno, è uno degli indicatori di valore della civiltà. E noi viviamo in una zona in cui gli interessi hanno da sempre il sopravvento sulle questioni culturali. Dunque chi impiega la propria intelligenza e le proprie energie per risolvere queste questioni si ritrova sconfitto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...