Orazione a N.S. dei Porticciuoli

Questa orazione è stata rinvenuta dentro un antico manoscritto conservato nell’ormai ex convento dei RR.PP. Domencani di Taggia. E’ dedicata a N.S. dei Porticciuoli, culto antichissimo ma sempre di grande attualità. Lo dimostra il fatto che sia in terzine dantesche. Forse che il Poeta sia passato a Ponente nelle sue peregrinazioni e abbia composto lui questo inno a Beatrice?

O Scignua du nostru su punente
donna de virtù e sentimentu
pe’ terra e sciù mà cuscì putente
da cangià l’eleziùn du ventu
nui te pregamu, aù, pu nostru bèn,
de sarvà a Riveia da stu turmentu
de pilastri, grü, rüspe e scimèn.

A tü a levamu dispeau u cantu
tü a supplicamu, man in man:
fa ch’in belu giurnu, cume d’incantu
au postu d’i plinti negri e grixi
de boschi verdi truvamu in mantu
e cun l’ambiente turnamu amixi.

Tü che de miàcüli ti ne fai
e dunde ti pasci, in pochi mexi
au postu d’i scöji sbeccài
se tian sciù maìne e porti
Impeia, San Luenzu, Aregai.

E duve gh’eia d’i uivi storti
l’è nasciùu u to’ gran resort
che nuatri vixitemu da morti.

Per tü, l’è urmai bellu sport
cunvinze scindeghi e assessui
che u to’ mudelu l’è ciù forte
e dopu i pepèi i ariva i maùi.

Tü che ti l’hai tantu talentu
ascurta e paole de sti’ belinui
nu vuremu miga tantu,
volgi a nui i toi begli öggi:
cumenzamu dau travajiu intantu;
che, cun sta crisi, au giurnu d’oggi,
nu te ragià, ne semu zerti,
vuremu ciù stipendi che urmeggi.

E se propriu te piaxe i trasporti
basta gözzi e approdi!
pensa l’utustrada e a feruvia;
eccu due semplici rimedi:
l’üna menu chèa, l’autra ben tegnùa.

Se invece i turisti te sun cài
imità a Costa Azura l’è düa:
porsche, yatch, aerei privai…
Nui l’amu natüa, uive, tradiziùn
a gente a vegne in amicizia
p’ù mà, p’u sù, pe’ mangià u cundijùn.

E se ti l’ami a giüstizia,
duna nui in po’ de paxe
fa’ che nu se mesce ciù cun l’edilizia.

Perdunine se a levamu a nostra vuxe:
séea ina grossa cruxe
che da pruvincia d’Impeia
nu reste ciù in belu quadru
ma sulu ina triste curnixe.

Traduzione

O Signora del nostro sol ponente
donna di virtù e sentimento
per terra e per mare casì potente
da cambiare la direzione del vento
noi ti preghiamo, ora, per il nostro bene,
di salvare la Riviera da questo tormento
di pilastri, gru, ruspe e cemento.

A te leviamo disperato il canto
te supplichiamo, mano nella mano:
fa che un bel giorno, come d’incanto,
al posto dei travi neri e grigi,
di boschi verdi troviamo un manto
e con l’ambiente torniamo amici.

Tu che di miracoli ne fai,
e ovunque passi, in pochi mesi,
al posto degli scogli sbeccati,
si tirano su marine e porti
Imperia, San Lorenzo, Aregai…

E dove c’erano degli ulivi storti
è nato il tuo gran resort
che noi visiteremo da morti.

Per te è ormai bello sport
convincere sindaci e assessori
che il tuo modello è il più forte
e dopo le carte arrivano i mattoni…

Tu che hai tanto talento
ascolta le parole di questi cretini
non vogliamo mica tanto,
volgi a noi i tuoi begli occhi:
cominciamo dal lavoro, intanto;
che con la crisi, al giorno d’oggi,
non ti arrabbiare, ne siamo certi,
vogliamo più stipendi che ormeggi.
E se proprio ti piacciono i trasporti,
basta gozzi e approdi!
pensa all’autostrada e alla ferrovia,
ecco due semplici rimedi:
l’una meno cara, l’altra ben tenuta.
Se invece i turisti ti sono cari,
imitare la Costa Azzurra è dura,
porsche, yatch, aerei privati…
noi abbiamo la natura, le olive, le tradizioni
la gente viene in amicizia
per il mare, per il sole, per mangiare il condiglione.
E se ami la giustizia,
dona a noi un po’ di pace:
fa’ che non si mescoli più con l’edilizia.
Perdonaci se alziamo la nostra voce
sarebbe proprio una grossa croce
se della provincia di Imperia
non restasse più un bel quadro
ma una triste cornice.

Annunci

2 commenti

Archiviato in Cose Nostre, Cronache del Sol Ponente

2 risposte a “Orazione a N.S. dei Porticciuoli

  1. Pingback: Genova Repubblica.it - Blog - Trenette e mattoni » Blog Archive » Abusivissima. E dai, realizza anche tu un abuso edilizio

  2. Pingback: Genova Repubblica.it - Blog - Trenette e mattoni » Blog Archive » Ventimiglia, la presa per i fondelli e l’inciucio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...