Cavalli? Anzi ANZI

Riporto qui una poesia che sta circolando un questi giorni a Taggia. L’autore è anonimo. E’ fortemente critica nei confronti dell’attuale amministrazione comunale.
Con questo post non voglio emettere alcun giudizio sull’operato del sindaco Genduso, ma dare atto che, cambiano i tempi e le amministrazioni, ma il dialetto taggiasco è ancora vivo e si fa sentire.

Cavalli? Anzi ANZI

Che bell’omu, che purtamentu,
u l’è per tüti u rifeimentu
u l’è intelligente, cun tüti u s’aven
e peui ti viesci cume u balla ben!

U l’è u fiu du veiu segretaiu,
l’avei capiu da chi u l’ha impaau u sillabaiu.
Certu in cumune u ghe sta propriu ben
U l’è u primu che u nu fa nien

Se in municipiu ti vai, mancu ti u vei,
ti devi savé che u l’ha delegau i soi tiapei,
in sustanza u l’è in scindacu incompetente
u balla, u parla e u scrive e ne decide mai niente.

I disce che u l’è i valente psicologu,
ma se l’han messu lì perché u fa comudu!
Se a velu cun urgenza ti devi parlà
pagandu in tu so studio ti devi alua andà.

Se in cumune ti veui parlaghe
i toi ragguagli a  segretaia daghe,
ti vieai che ela te daà, senza spese,
l’appuntamento fra ciü d’in mese.

Se invece ti veui parla ai assessui
L’appuntamentu saà fra in mese o dui.

Che belu paise u l’è Taggia,
ma a cosa che ciü a fa ragia
i l’han rifurmau i uai di ufizi
e per fa viè chi nu sun buzi

i l’han pensau de tegne i giurni dispai auvertu
mentre ai giurni pari u cumüne u l’è desertu,
cun sti impiegai
darè ai vedri acciatai,

certu, u se sa, i deve tantu pensà
cume a fa passà tuta a giurnà.
In giurnu dispai de bon matin va a fatte fa
In certificatu e a carta d’identità,

piate u nümeu e statene lì
dau cumüne ti sciurtiai a mezzodì.
I sun nuvitae in prigresciun
Tüte purtae da neuva amministraziun,

che pupulaziun marciapà!
i ne daan anche in belu uspeà
e se peui u nu bastasse,
i ne aumenta rementa e tasse.

I aspertui disce a Pruvincia: tüta a rementa purtaia qui
Che da nui u ghe ne sta per cuscì,
a gamu e colle da encì,
e vui turisti vegnì vegnì.

In pochi mesci chi ne cumanda
U l’ha daitu preua de esse in gamba:
A l’amu i travai cumenzai
E i giardinetti mai ciü terminai

Senza marciapè u Già Pantan
Quandu cieuve riturna pantan,
per purè ben cumercià
dau pantan i nan lavau a sanità.

Per peui fa a mesua cena
au lunedì i maoti de bona lena
a pé, ranghezzandu e de bon’ua
all’Arma van a mettisse in cua.

All’Arma peui, per purè fa in po’ de viuìa
p l’han levau u mercau da Ferrovia,
per fa inca cosa che a tüti aggrada
l’ha pensau de purtau intu mezu da strada,

u l’è in modu cume autri per infastidì
chi all’Arma u deve andà de lunedì.

I nostri amministrati, quando i veun ballà
Adessu i van suttu u ricoveu da terza età.

Via Colombo, cume u Pantan, seà serà
e anche lì forsci a gandeemu a ballà
U ghe manca sulu u rizeu (acciottolato)
Per rumpisse e gambe cume u Diu veu;

seea ina nuvità ai assessui da cunei,
in Via San Dalmazzu i l’han za speimentà.

L’aveemu de neuve strade
A gandeemu a passeggiaghe
Cuscì a meteemu e macchine p’a giaia
Vistu che i parcheggi sun ormai cosa raia.

Tüti neuvi travai da desfà e rifà
in modo che a pupulaziun poscie de neuvu pagà.

Annunci

8 commenti

Archiviato in ZirichilTaggia

8 risposte a “Cavalli? Anzi ANZI

  1. pia

    Ho un vago sospetto su chi sia l’autore…
    Comunque ben venga il verbo, in qualsiasi lingua, a dire ciò che troppa gente ha in gola e non si sente di esprimerlo.
    Se la ribellione non parte dal popolo, da chi allora?
    Semplicemente è ora di finirla di vedere attorno a noi ciò che decisamente non ci aggrada, ciò che è fatto male o che è preludio a scelte speculative a vantaggio di pochi.
    Casualmente, prima di vedere il tuo post, ti ho mandato una poesia in dialetto per e-mail: affinità?

  2. gianni

    Bella, non l’avevo ancora letta..

    Complimenti all’autore. Naturalmente provvedo a diffonderla anch’io…

    ciao

    Gianni

  3. giarevel

    Ci tengo a precisare che l’autore di questo componimento non è lo stesso di questo blog. Io l’ho solo raccolta per documentare la presenza del dialetto nella vita concreta e nell’invettiva politica.
    Dallo stile e dalle inflessioni si direbbe scritta da qualcuno competente sia della lingua che della situazione in paese. Sarebbe bello se l’autore continuasse… la lingua madre segue da vicino le cose, sarebbe utile a tutti!

  4. Anonimo

    Personalmente non alludevo a te, essendo che conosco un pò di gente di Taggia che scrive in dialetto.
    Il dialetto ha quella incisività che permette di rendere la realtà cui appartiene in maniera unica.
    E lo parliamo ancora, per fortuna.

  5. Anonimo

    Non capisco perchè mi ha dato “Anonimo”…
    Sono Pia, si era capito, penso.

  6. giarevel

    Grazie Pia, sì, questa volta l’anonimo eri tu!
    Ci tenevo solo a precisarlo perchè anche altri hanno pensato fossi stato io. La tua poesia l’ho letta e come al solito mi è piaciuta molto 😉

  7. lino

    posso dire che è bella!! chiedo se esiste una traduzione in italiano? se è vero che la protesta parte dal popolo, la poesia deve arrivare anche al popolo. grazie.

  8. Pingback: Le Gendusiadi « Baroni Rampanti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...